Un dì lieto giamai

Home / Un dì lieto giamai

Un dì lieto giamai
Non hebbi, Amor, da poi
Che dagli lacci tuoi mi disleghai.

Cagion della nimicha
Mie donna a cui servia,
Così convien ch’ i’ dicha
La suo discortesia.
Amore a tal follia
M’indusse allor’ ch’ i’ ruppi
E tuo amorosi gruppi et ti lasciai.

Ma, lasso, hor del mio errore
M’aveggio et me ne pento
Ché sanza te, Amore,
Assai più doglia sento
Alhor qualche contento
Sentivo in mezo a lutto,
Hor quello è perso tutto et vivo in guai.

Fanne tu, Amor, vendetta
Perché di me non cura
Anzi talor m’alletta
Cogl’ ochi et m’assicura
Et poi mi stratia et giura
Che te et me disprezza:
Cotanto male aveza, signor, l’hai.

Ma se pur vuoi che in pace
Ritorni io, Amor, in quella
De’, fa’ che la tuo face
Arda me insieme et ella;
Po’ non temer mi svella
Unquanquo ma da llei
Et così lieti miei giorni farai.

Registrazione

Paolo Costa – controtenore, Ensemble MUSICA RICERCATA (direzione: Michael Stüve)
Registrato: Fine giugno 2006 nell’Akademie Burg Sternberg, Extertal Kreis Lippe, Germania
Direzione della registrazione: Irmgard Tutschek
Recording & editing: Eddie Tapp

Fonte

Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, B. R. 230 (Ms. Magl. XIX. 141)
Edizione moderna: F. A. D’Accone (ed.), Musica of the Fiorentine Renaissance II, Collected Works of Alessandro Coppini, Bartolomeo degli Organi, Giovanni Serragli and Three anonymous works, Corpus Mensurabilis Musicae 32, American Institute of Musicology, 1967

Designed by Frush Developed by Nexibo logo